I collezionisti di vini di alta gamma: intervista a Roberto Zanghi, presidente della Chaine des Rotisseurs

I collezionisti di vini di alta gamma: intervista a Roberto Zanghi, presidente della Chaine des Rotisseurs

Sono Roberto Zanghi abito ad Appiano sulla Strada del Vino in Alto Adige. Vivo con i miei cari a Castel Paschbach antico maniero di proprietà della mia famiglia.

Svolgo l’attività di medico chirurgo odontoiatra ed inoltre ho l’onore di essere il presidente della Chaine des Ròtisseurs Italiana

La Chaîne des Rôtisseurs (Catena dei Rosticceri) è la più antica Confraternita di Gastronomi esistente al mondo. Infatti, essa nasce nel 1248 a Parigi sotto il regno di Luigi IX.

La Chaîne des Rôtisseurs è rappresentata in tutti e cinque i continenti, il suo principale obiettivo è riunire i suoi membri, professionisti ed amatori di oltre 80 paesi del mondo per celebrare la loro passione per l’alta cucina e per i vini, aiutare e incoraggiare la crescita di giovani Chef e Sommelier nel mondo attraverso concorsi nazionali ed internazionali oltre a fornire sostegno alimentare a coloro che ne hanno bisogno.

-Quando nasce la sua passione per il vino?

La mia passione per il vino nacque quasi 50 fa, inizialmente lo consideravo come il giusto abbinamento ad una buona pietanza, con il tempo comprendo che dietro un gran vino ci sono persone, gente che ogni giorno dona la sua sapienza per creare un prodotto eccellente. Decido quindi di coltivare questo interesse fino a farlo diventare passione, tanto da decidere di diventare Sommelier.

Più passava il tempo più in me cresceva la curiosità di scoprire, degustare e selezionare vini dai sapori autentici e inebrianti di piccoli produttori poco conosciuti.

-Quando da appassionati si diventa collezionisti?

Da appassionato a collezionista il salto è grande. Collezionare vini non è avere una semplice bottiglia con una determinata etichetta ma è entrare in possesso della sua storia, della sua cultura. Collezionare inoltre è legarsi a dei ricordi, come quando acquistai una partita di Bordeaux in occasione della nascita di mia figlia con l’intento di conservarla e di berne la prima bottiglia al suo diciottesimo compleanno. Di quelle bottiglie ne ho ancora, ne ho aperta una proprio l’altro giorno per festeggiare questo “strano” Natale.

Roberto Zanghi - presidente I collezionisti di vini di alta gamma: intervista a Roberto Zanghi, presidente della Chaine des Rotisseurs

-Condivide questa sua passione?

Condivido con immenso piacere questa mia passione con gli altri, il vino è stare insieme è convivialità è allegria è cultura. Grazie al vino sono entrata in contatto con diverse persone in Italia e all’estero, con molti di loro è nata una grande amicizia, ed è questa passione il legame che ci unisce nonostante le distanze.

E’ l’amore per il buon bere che ci avvicina.

Su questo argomento mi piace citare la frase di Clifton Fadiman: una bottiglia di vino implica la condivisione; non ho mai incontrato un amante del vino che fosse egoista.

-Sente l’esigenza di conservare bene questa sua passione?

Considero questo insieme di grandi vini raccolti negli anni “la mia grande passione”: di ieri, di oggi e di domani” ed è importante che questa mia collezione sia conservata al meglio. Le mie bottiglie sono protette dalla luce, dall’umidità, dagli sbalzi di temperatura e dalle vibrazioni.

 Le vibrazioni: tema importante e poco conosciuto

Ho avuto il piacere di affrontare con l’amico Mauro Armeletti, uno dei fondatori di Wineleven il tema di quanto siano estremamente dannose le vibrazioni e di come esse siano create artificialmente dall’ambiente in cui viviamo, indipendentemente che loro abbiano trovato e brevettato la soluzione ideale per annullare gli effetti nocivi causati dalle vibrazioni e microvibrazioni, abbiamo condiviso il fatto di come esista pochissima informazione su come deve essere conservato al meglio il vino una volta messo in bottiglia.

-Come finiamo questa intervista?

Sempre con frasi di persone sagge: Il vino è un liquido vivente che non contiene conservanti. Il suo ciclo di vita comprende giovinezza, maturità, vecchiaia e morte. Se non trattata con ragionevole rispetto si ammala e muore.
(Julia Child)

Comments are closed.