Interior design: brand, estetica o funzionalità?

Interior design: brand, estetica o funzionalità?

Intervista all’architetto Anna Accalai, interior design, consigliere nazionale della Chaîne des Rôtisseurs ed ambasciatrice di Wineleven.

E’ con grande piacere che chiedo ad un’altra carissima amica di parlarci di lei e del suo lavoro di interior designer

Sono   Anna Accalai, vivo a Roma da tantissimi anni, sono approdata in questa magnifica citta’ dopo aver girato il mondo in lungo e in largo seguendo mio marito per il suo lavoro, viaggiare mi ha insegnato a smettere di fare di tutto per sembrare felice, ma fare qualche cosa per esserlo davvero.

Trascorri anni a immaginare il momento in cui la tua vita cambierà invece la vita va avanti come sempre, senza sorprese, senza novità senza grandi emozioni.

E poi?

Ma poi, proprio quando credi che nulla possa cambiare, ecco che succede qualcosa di totalmente inaspettato. E’ il destino, o semplicemente il caso? Ecco un giorno di 22 anni fa ho deciso di realizzare i miei sogni: il primo cercare la mia indipendenza economica e mentale…obbiettivo vitale per una donna per capire  quanto  ancora vale!

E hai fatto la tua scelta valorizzando le tue caratteristiche e le tue qualità e il tempo ti ha dato ragione, sei diventata un interior designer di successo

Apro un negozio di design nella splendida Roma in uno dei suoi quartieri piu’ eleganti PARIOLI.  E’ un negozio raccolto ma con bellissimi prodotti ricercati dai mobili moderni all’antiquariato, all’arte come allestire una tavola, o come arredare una camera da letto, per poi passare ad oggettistica di designer ricercati… per gli ultimi trend del momento.

Se l’abito è la seconda pelle per chi lo porta, la casa non lo è da meno. Cosi ogni abitazione deve giustamente rispecchiare la personalità di chi ci vive…

Puoi darci una tua indicazione su qual è professionalmente la figura dell’interior?

Io con la mia professione di interior designer, annoto e raccolgo i desideri e le idee dei miei clienti per poi metterli in pratica con la mia esperienza senza mai prevaricare.

Wineleven - Anna Accalai

Quanto si lascia consigliare chi si rivolge a te?

L’interior designer deve saper comprendere i gusti dei propri clienti studiandone la personalita’ e solo così si lasciano consigliare, dalla scelta dei pavimenti, ai rivestimenti, decorazioni, pitture, arredi, oggettistica e complementi di arredo.

L’interior designer deve essere in grado di fornire idee e soluzioni in grado di risolvere problemi apparentemente non risolvibili.

E’ più importante il brand, l’estetica o la funzionalità?

Il brand che va ora moltissimo è il Made in Italy che si coniuga perfettamente con la funzionalità e la bellezza dei prodotti.

L’accessorio di design può essere interpretato come status symbol

Fra i miei clienti non ho mai trovato nessuno che acquistasse un accessorio come status symbol, hanno sempre cercato solo cose di loro gusto e che rappresentasse la loro personalità

Quanto è presente il vino in bottiglia nelle case dove hai lavorato?

la presenza del vino in bottiglia nelle case dove ho lavorato, per me abbastanza comune visto che faccio parte dell’associazione enogastronomica più antica al mondo: La Chaine des Rotisseurs.

Certamente è sempre presente e quasi sempre con le migliori etichette Italiane e francesi e poi sempre in evidenza i grandi di vini da collezione…

E’ da poco tempo che conosco questa tecnologia innovativa per la conservazione del vino in bottiglia di Wineleven, ma ritengo che abbia un futuro di successo…i portabottiglie singoli hanno un designer ricercato, e nuovissimo per le sue caratteristiche estetiche, naturali e tecnologiche che consentono la conservazione dei vini pregiati.

Ne sono talmente convinta che sono diventata Ambasciatrice di Wineleven.

Comments are closed.