La tecnologia Wineleven: l’esperimento musicale

La tecnologia Wineleven: l'esperimento musicale

Emanuele Boselli (docente di Scienze delle Tecnologie Alimentari presso la Libera Università di Bolzano nonché partner attivo del progetto Wineleven) durante il suo percorso di test per il progetto Wineleven ha portato avanti un esperimento musicale utilizzando la levitazione magnetica naturale con l’obbiettivo di verificare come la trasformazione di una vibrazione meccanica disordinata si trasformi in onda armonica e possa migliorare la qualità, in questo caso del vino – protagonista dei test. durante la sua conservazione in bottiglia.

A questo proposito nel suo laboratorio presso la Libera Università di Bolzano il professor Emanuele Boselli ha suddiviso dei lotti di vino che sta conservando in bottiglia secondo due metodi differenti con l’obiettivo di monitorarne i differenti risultati.

Riproduci video

Il primo metodo di conservazione della bottiglia di vino segue la modalità tradizionale mentre al secondo caso al metodo si associa una sollecitazione di tipo sonoro per verificarne le alterazioni sul vino nella bottiglia che verrebbero ammortizzate però dalla tecnologia Wineleven: la levitazione magnetica naturale.

A tempi predeterminati il professore verifica ed analizza il contenuto del vino dal punto di vista compositivo e sensoriale per poi andare a determinare quale sarà l’effetto della vibrazione, l’effetto schermante o l’effetto ammortizzante della levitazione magnetica naturale.

I risultati sono ad oggi positivi a garanzia del successo del progetto Wineleven.

Comments are closed.